Pago la PA: Agid e Intesa San Paolo siglano l’accordo per il Nodo dei Pagamenti – SPC

di http://www.agid.gov.it/

Consentire a famiglie e imprese di semplificare il proprio rapporto con la Pubblica Amministrazione, usufruendo di nuovi canali e servizi di pagamento elettronico caratterizzati dai più elevati standard di sicurezza e omogeneità . E’ questo il senso dell’accordo siglato tra l’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) – Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Gruppo Intesa Sanpaolo, che aderisce così al «Nodo dei Pagamenti – SPC». 
In questa fase di avvio e collaudo della piattaforma, Intesa Sanpaolo, forte della propria gamma di servizi di pagamento innovativi e già  pronti per essere utilizzati, gioca un ruolo attivo: con la sottoscrizione dell’accordo la Banca si abilita come “prestatore di servizi di pagamento”, accedendo all’insieme delle infrastrutture tecnologiche e delle regole tecniche gestite direttamente dall’Agenzia per l’Italia Digitale. 
L’accordo è stato sviluppato nel contesto di «Pago la PA», progetto pensato per offrire a cittadini e imprese la possibilità  di effettuare pagamenti in modalità  elettronica a favore della Pubblica Amministrazione e dei gestori di pubblici servizi e si inserisce nella più ampia regolamentazione in materia di servizi di pagamento introdotta a livello europeo con la Single Euro Payment Area (SEPA) e con la Payment Services Directive (PSD, 2007/64/EC). 
In ambito nazionale, il Codice dell’Amministrazione Digitale ha affidato ad AgID il compito di definire, sentita la Banca d’Italia, le regole e le modalità  di effettuazione dei pagamenti elettronici attraverso l’emanazione di apposite Linee guida. Ad AgID è stata inoltre assegnata la gestione del «Nodo dei Pagamenti – SPC», ossia della piattaforma tecnologica attraverso la quale la comunità  delle Pubbliche Amministrazioni e dei “prestatori di servizi di pagamento” (tra cui le banche) mettono a disposizione dei debitori (cittadini, imprese, associazioni…) tutte le informazioni e i relativi strumenti di pagamento. Grazie alle nuove tecnologie, che consentono di “federare” le infrastrutture ICT delle Pubbliche Amministrazioni aderenti (Ministeri, Regioni, Comuni,…), il Nodo dei Pagamenti rende più efficienti i servizi finali agli utenti/contribuenti; nel contempo, si facilita la messa punto di processi fortemente automatizzati per la gestione e la riconciliazione dei pagamenti, evitando la duplicazione di basi dati, controlli e registrazioni. 
I pagamenti dovuti a vario titolo a favore delle Pubbliche Amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi potranno essere effettuati attraverso le prime soluzioni sviluppate da Intesa Sanpaolo, fruibili attraverso il portale di ogni singola amministrazione che abbia preventivamente aderito al Nodo. 
Dato il ruolo degli attori coinvolti, l’accordo offre un importante contributo alla generale diffusione del sistema dei pagamenti elettronici.