Conservazione dei documenti informatici: standard comuni e prospettive europee

Cambiano gli scenari della conservazione dei documenti informatici a seguito, soprattutto, della bocciatura europea del meccanismo dell’accreditamento dei conservatori. Come si dovrà dunque, in futuro, conservare i documenti informatici, ovvero garantirne l’autenticità, l’integrità, l’immodificabilità, la leggibilità e la reperibilità nel tempo?

A queste domande proveranno a rispondere gli esperti Avv. Luigi Foglia, Segretario Generale di Anorc, e Avv. Andrea Lisi, Presidente di Anorc Professioni, in un webinar gratuito che sarà diffuso il prossimo 27 luglio alle 10.00 sui profili Facebook e YouTube di Anorc.

💡Per ulteriori info – Conservazione dei documenti informatici: standard comuni e prospettive europee – 27/07

Un modello di conservazione

C’è la necessità di individuare una strada rigorosa e chiara che possa portare l’Italia a rappresentare, con autorevolezza, il proprio modello di conservazione in un’Europa che da qui a qualche anno dovrà stabilire le regole comuni per la conservazione dei documenti informatici“, scrivono i relatori nella descrizione dell’evento. Oltre a fare il punto sullo stato della Conservazione dei documenti informatici e sulla prospettive europee, i due giuristi proveranno a definire i primi tracciati di un percorso per “far ripartire un confronto aperto, schietto e leale tra conservatori e istituzioni così da riprendere la giusta rotta oggi persa dietro a continue modifiche delle norme che regolano la conservazione e la sua fornitura alle amministrazioni pubbliche: solo così– scrivono- dalle ceneri dell’accreditamento potrà nascere una nuova e rinnovata consapevolezza del ruolo e dell’importanza della conservazione dei documenti informatici e dei conservatori chiamati ad attuarla“.

PER PARTECIPARE ALLA DIRETTA SEGUI I CANALI: FACEBOOK e YUOTUBE

[Notiziario di Agenzia di Stampa DiRE]

I professionisti della digitalizzazione documentale e della privacy

Scopri il Master Universitario di 1° livello di Unitelma Sapienza