La digitalizzazione italiana: una storia indigesta – appunti di ICT Law del Presidente di ANORC Professioni

 L’Avv. Andrea Lisi, Presidente di ANORC Professioni propone una riflessione in sei punti sul dibattito che da più di trent’anni vede il nostro Paese alle prese con la digitalizzazione e la sua (a tratti inutile) regolamentazione.
Non manca un colorito richiamo ad una delle scene più rappresentative del “lavoro nell’IT” della commedia all’italiana, interpretata dall’iconico Lino Banfi, utile a rafforzare le riflessioni su ciò che stiamo edificando digitalmente in questi anni.

Ecco i 6 punti proposti:

1) 𝚜𝚎𝚗𝚣𝚊 𝚜𝚎𝚖𝚙𝚕𝚒𝚏𝚒𝚌𝚊𝚣𝚒𝚘𝚗𝚎 𝚗𝚘𝚗 𝚎𝚜𝚒𝚜𝚝𝚎 𝚍𝚒𝚐𝚒𝚝𝚊𝚕𝚒𝚣𝚣𝚊𝚣𝚒𝚘𝚗𝚎

2) 𝚗𝚘𝚗 𝚎𝚜𝚒𝚜𝚝𝚎 𝚒𝚕 𝚍𝚒𝚛𝚒𝚝𝚝𝚘 𝚍𝚎𝚕𝚕’𝚒𝚗𝚏𝚘𝚛𝚖𝚊𝚝𝚒𝚌𝚊

3) 𝚒𝚗𝚒𝚣𝚒𝚊𝚖𝚘 𝚍𝚊𝚕 𝚍𝚒𝚛𝚒𝚝𝚝𝚘 𝚎𝚞𝚛𝚘𝚙𝚎𝚘

4) 𝚗𝚘𝚗 𝚐𝚊𝚛𝚊𝚗𝚝𝚒𝚜𝚌𝚎 𝚖𝚊𝚐𝚐𝚒𝚘𝚛𝚎 𝚜𝚒𝚌𝚞𝚛𝚎𝚣𝚣𝚊 𝚊𝚋𝚋𝚞𝚏𝚏𝚊𝚛𝚜𝚒 𝚍𝚒 𝚛𝚎𝚐𝚘𝚕𝚎 𝚝𝚎𝚌𝚗𝚒𝚌𝚑𝚎 𝚎 𝚊𝚐𝚎𝚗𝚣𝚒𝚎

5) 𝚌’è 𝚍𝚊𝚟𝚟𝚎𝚛𝚘 𝚋𝚒𝚜𝚘𝚐𝚗𝚘 𝚍𝚒 𝚚𝚞𝚊𝚕𝚒𝚏𝚒𝚌𝚊𝚣𝚒𝚘𝚗𝚒 𝚗𝚊𝚣𝚒𝚘𝚗𝚊𝚕𝚒?

6) 𝚑𝚊 𝚜𝚎𝚗𝚜𝚘 𝚊𝚟𝚎𝚛𝚎 “𝚎𝚜𝚙𝚎𝚛𝚝𝚒 𝚍𝚒 𝚍𝚒𝚐𝚒𝚝𝚊𝚕𝚎”?

 

Puoi trovare il commento integrale direttamente  nell’ultima NewsLetter  “Appunti di ICT Law” dell’Avv. Andrea Lisi, edita sul suo profilo LinkedIN.

25° Mastercourse ANORC

In partenza a gennaio in versione executive

Continuiamo a riflettere insieme sul percorso di digitalizzazione italiana, ma con gli strumenti e le competenze adeguate!
A gennaio parte la nuova edizione del Mastercourse di ANORC per la formazione dei Responsabili della conservazione e conservatori di oggetti digitali.

Un percorso storico per il settore, giunto alla sua 25esima edizione, che per l’occasione evolve in versione executive proponendo tre segmenti formativi in altrettante diverse modalità:

  • Lecture“ 18 ore in e-learning | disponibile da gennaio
  • Training“ 16 ore in streaming | online ad aprile
  • Meddle“ 2 giorni di full immersion in un campus a Milano | 17 e 18 maggio