Proroga NSO: l’obbligo slitta a febbraio 2020

L’entrata in vigore del NSO – Nodo Smistamento Ordini prevista per il primo ottobre 2019, è stata rinviata al febbraio 2020.

L’ing. Paolo Catti, congiuntamente con numerosi esperti, tra cui diversi esponenti di ANORC (Andrea Lisi, Luigi Foglia, Giovanni Manca, Riccardo Genghini, Alessandro Selam, Simonetta Zingarelli, Andrea Caccia, Mara Mucci, ) presenta su Agendadigitale.eu un’approfondita analisi dello scenario che si prospetta alle soglie di un momento “epocale” per lo sviluppo digitale del sistema Paese.

L’ing. Catti osserva in particolare come l’approccio cautelativo dimostrato a livello nazionale – nell’insieme e non solo nel singolo progetto – dovrebbe tendere a confermare la bontà del percorso di evoluzione intrapreso, puntando ad innescare dinamiche virtuose. In particolare, per quanto concerne il Nodo di Smistamento Ordini, la proroga non dovrebbe servire a snaturare il progetto, ma a irrobustirlo, prestando una maggiore attenzione a pochi, ma importanti elementi.

NSO può essere – come è stato SDI prima di lui – un importante gradino nella crescita digitale, economica e culturale del Paese. È quindi fondamentale raccogliere questa posticipazione con lo spirito giusto.

Vi invitiamo a consultare la versione integrale dell’articolo su Agendadigitale.eu al seguente link