La riforma della PA passa dalla comunicazione

Nell’ambito della strategia di Open Government, il Ministro Fabiana Dadone ha presidiato l’insediamento del tavolo composto da DIE, Formez PA, Ordine dei giornalisti, Fnsi, Ferpi, Università, PaSocial, Agcom, Gus e Aicpi, che avrà il compito di tratteggiare metodi e obiettivi di una social media policy nazionale della PA.

Lo scopo è quello di rilanciare e riconoscere il ruolo strategico della comunicazione pubblica per l’apertura della PA e dunque il lavoro dei professionisti e delle figure impegnate nella realizzazione del dialogo istituzionale.

Ricordiamo a tal proposito che il modello di governance proposto dall’Associazione ANORC Professioni individua tra le diverse figure che compongono il mosaico delle professionalità istituzionali, anche il Responsabile Open Data e il Responsabile della trasparenza e pubblicità legale online, riconoscendone competenze e funzionalità e mettendo inoltre a disposizione dei suoi iscritti formazione e aggiornamento continui.

La rivoluzione tecnologica impone di collocare al centro non ultimo gli strumenti e le metodologie di comunicazione, che includono anche il corretto impiego dei social media e delle piattaforme di messaggistica: si tratta di strumenti che rendono centrale la partecipazione del cittadino e accelerano il processo di “svecchiamento” della PA avviato ormai da 20 anni e il tavolo di riforma della comunicazione degli enti rappresenta un nuovo passo in questo percorso di rinnovamento.

Vi invitiamo a consultare il comunicato ufficiale del Ministro per la Pubblica Amministrazione,  al seguente link

[Fonte immagine: Pexels.com]